20/08/2019

5+5 Regole per i veri professionisti della posa

Una Posa Professionale è alla base di un pavimento durevole e soddisfacente.

Il Codice del Consumo identifica le varie responsabilità dell'impresa artigiana che si occupa della posa dei prodotti, per questo la posa professionale deve seguire una procedura regolamentata.

La buona esecuzione si definisce in termini normativi “posa a regola d'arte” ma ci sono anche dei principi non scritti che permettono di dare al lavoro una qualità superiore.

Le 5+5 regole che Skema ha definito ed impiega nei propri corsi per i professionisti della posa, vogliono definire una procedura di lavoro che considera il prima, il durante e il dopo dell'installazione, soprattutto in contesti abitativi, perché quando si parla di qualità è utile saperla dimostrare nei fatti, con piccole attenzioni e con la cura del proprio mestiere, e della soddisfazione del consumatore.

I veri professionisti le conoscono e le applicano ad ogni intervento.

Skema ha dedicato uno spazio all'interno dell'area Officina@Work, il luogo in cui si tengono i corsi formativi e dove, in un ambiente che ricrea le situazioni tipo in cui i professionisti posano su pavimento, a parete o a soffitto, si imparano nella pratica anche le 5+5 regole della buona posa.

Prima di mettersi all'opera:

  1. Osserva
  2. Predisponi
  3. Pulisci
  4. Progetta
  5. Inizia

Queste sono le prime 5 regole per organizzare il lavoro in modo ottimale. Un lavoro responsabile e ragionato parte dall'osservare lo spazio in cui si opera, capirne le peculiarità, le possibili problematiche e quindi individuare le soluzioni da applicare.

Sapere quali materiali, quali attrezzature serviranno, dove posizionare il pavimento imballato e quanto tempo prima della installazione, è parte della predisposizione del lavoro, azioni propedeutiche alla progettazione di quanto si andrà a fare, mettendo in sequenza le operazioni e creando un piano operativo. Anche la pulizia, prima e durante il lavoro di posa, è importante, tanto quanto la pulizia finale, segno di professionalità, ma soprattutto di rispetto per il cliente e per il lavoro.

Dopo aver finito

Le 5 regole post lavoro riguardano soprattutto la comunicazione con il cliente finale, quindi quando è tutto finito, parla con il cliente di:

  1. Pulizia - Prodotti
  2. Manutenzione
  3. Mobile - Piedini
  4. Smaltimento
  5. Ripristini

È in questa fase che il cliente potrà percepire la qualità del lavoro svolto e del prodotto installato, quindi non sono da sottovalutare quei momenti di dialogo con il cliente: sono la sua formazione.

L'idea è di allenare i propri clienti-installatori a offrire una continuità tra la Qualità Promessa durante la vendita con la Qualità Verificata nella vita del prodotto.

Nella pulizia delle superfici è importante spiegare quali prodotti utilizzare e quali evitare. È utile far capire la differenza tra pulizia e manutenzione e indicare le azioni da compiere in caso di piccoli ripristini.

Come proteggere i pavimenti da impieghi non corretti, l'impiego di Zerbini, piedini protettivi, l'uso di macchine pulitrici e tutto quanto è indicato nelle locandine presenti negli imballi; documenti che il professionista ha l'obbligo di lasciare al consumatore, come una manuale di gestione.

Senza dimenticare oggi l'aspetto ambientale, lo smaltimento degli imballi, ma anche lo smaltimento dei prodotti qualora, dopo molti anni, si volesse sostituirli. Il cliente potrà voler conoscere come comportarsi in caso di mobili pesanti ma anche sapere come poter smaltire i prodotti, procedura illustrata nel DOP presente nella sezione Download del sito Skema.

Un filo rosso che parte dal prodotto ed arriva dritto nella casa dei nostri clienti finali, perché la soddisfazione è il fine del lavoro di tutti noi.

Tutte queste informazioni permettono di dare valore aggiunto a quanto eseguito e aiutano a mettere in luce la qualità di un lavoro fatto a regola d'arte, da veri professionisti della posa.

 

 

 

News correlate