La boiserie: una storia antica giunta fino a noi

Scopriamo le origini della pratica di rivestire le pareti con il legno, la storia della boiserie che arriva fino a noi e che non smette di affascinare con la sua bellezza e la sua grande funzionalità.
 

Rivestimento pareti in legno OpenMind

Oggi il rivestimento delle pareti è spesso visto come un semplice accorgimento estetico. La scelte per abbellire un ambiente con una parete decorata sono molte, i materiali utilizzabili sono i più disparati: si possono impiegare carte da parati, ceramiche, gress, pietre e resina, ci sono pannelli in laminato o in pvc, in mdf, in gesso e ancora in fibra di bamboo. Ma il materiale che da sempre viene impiegato nella decorazione delle pareti interne è il legno. L'uso del legno per decorare le pareti in muratura ha origini antiche, ma i natali di questa usanza ornamentale si devono ad una funzione estremamente pratica che anche oggi non va sottovalutata. L'isolamento termico è sempre stato un problema delle case, combattere contro il freddo era un'attività quotidiana che ha portato nel corso della storia ad adottare diversi rimedi e inventare nuove tecnologie, il rivestimento in legno delle pareti nasce proprio da questa necessità.

Le origini funzionali della boiserie

Castelli e palazzi del medioevo erano sì dimore di lusso, dove i nobili trascorrevano la vita tra feste e privilegi, ma anche qui si doveva fare i conti con infissi (se c'erano) poco isolati, muri freddi, pavimenti ghiacciati e stanze dai soffitti altissimi che disperdevano il calore. È in questo contesto che nasce la boiserie, una serie di pannelli in legno che rivestivano le pareti e i soffitti degli ambienti per trattenere il calore e rendere soprattutto le stanze private, come gli spogliatoi o le camere da letto, gli angoli del palazzo dal clima più “mite”. Si hanno notizie di questa pratica sin dal XIV secolo in particolare nelle zone europee più fredde e da allora si è diffusa un po' in tutte le corti, modificando nel tempo gli stili decorativi e anche l'utilizzo tecnico che se ne fece.

Stili e decorazioni nel tempo

Dalle stanze private, il rivestimento delle pareti con il legno è passato anche alle sale di rappresentanza, qui oltre alle funzioni decorative e isolanti, il rivestimento aveva anche una funzione acustica, riducendo l'effetto eco di questi ampi spazi interni.
Dal medioevo ad oggi il rivestimento in legno delle pareti ha seguito le mode delle diverse epoche, da quello ricco di decorazioni in oro e bassorilievi del settecento a quello pulito e semplice dello stile inglese tipico delle biblioteche con le tinte scure del mogano, allo stile art déco dei primi del novecento fino ad oggi, dove predominano la semplicità delle linee e l'uso di una vasta gamma di cromie.

By MFSG (Own work)Salle Art nouveau au Musée d’Orsay (Paris) photo pb Jean-Pierre DalbéraPhoto By Stephen Petegorsky - Mead Art Museum

Chenonceau by MFSG (Own work)                                                                  Musée d'Orsay by Jean-Pierre Dalbéra                                                        Mead Art Museum by Stephen Petegorsky

La boiserie oggi e i tipi di rivestimenti per pareti

Oggi la decorazione dei muri interni viene applicata in tanti diversi contesti, si può decorare qualsiasi ambiente della casa, dalla camera da letto al living, si può inserire questo decorativo anche in progetti di arredamento contract e in tutti gli ambienti pubblici, bar, ristoranti, hotel, ecc., che cercano un tocco originale.
I rivestimenti in legno per pareti non sono tutti uguali, a prescindere dall'essenza utilizzata, le tipologie principali che possiamo riscontrare sono tre: la perlinatura che consiste nel posare in verticale o in orizzontale delle liste di legno lunghe e strette. Spesso sono applicate direttamente sulla parete, ma è possibile utilizzare un'intelaiatura in legno che faccia da sopporto; il rivestimento con doghe, un formato oggi molto apprezzato, un vero listone che spesso nasce per la pavimentazione, a parete viene montato sia con posa ad incastri sia in modo consecutivo; il rivestimento con pannelli, in questo caso non c'è una misura standard ma i pannelli sono scelti sulla base delle dimensioni della parete da rivestire.

I rivestimenti per pareti di Skema

Anche Skema propone più soluzioni che interpretano la boiserie secondo i canoni estetici attuali e rendendola anche un elemento funzionale per l'isolamento termico e acustico.
La collezione OpenMind è l'espressione massima dell'utilizzo del legno come decorazione verticale e non solo. Un sistema che ti permette di personalizzare le pareti con pannelli in legno dalle lavorazioni uniche e artigianali e che utilizza la materia prima nella sua seconda vita: rami, vecchie botti e legno antico, ritornano protagonisti per un uso non convenzionale della materia legno. Composizioni che sanno trasformare una normale parete in un vero quadro di design raffinato ed esclusivo. OpenMind fa parte della linea Vertical di Skema, un insieme di soluzioni innovative per il rivestimento delle pareti che quest'anno si arricchisce di molte novità e che nelle prossime settimane vi presenteremo.

OpenMind usato sulle pareti di un'abitazione privata e come rivestimento del bancone in un locale pubblico  

News correlate